Cerca nel blog

sabato 28 aprile 2012

Lettere d'amore




E va bene, lo so, è più facile mandare una mail o piuttosto un sms per comunicare. 
Siamo figli della tecnologia, anzi a dire il vero, lo sono ancora di più i nostri figli. 
Digitano sulla tastiera dell'ultimo modello supertecnologico di telefonino alla velocità della luce. 
Io invece con gli sms sono piuttosto imbranata e udite udite: non uso il cellulare. Lo trovo scomodo.
 No... non da portare appresso, ma dimentico sempre di caricarlo e immancabilmente quando mi trovo in situazioni in cui è necessario usarlo, la batteria è out.
Avro' maturato una naturale repulsione a causa del mio lavoro? Probabile. 
 Passando  la maggior parte della giornata con le cuffie attaccate alla testa e un grillo canterino che ti fa cri cri tutto il giorno nell'orecchio, sfido chiunque a voler usare il cellulare.
 A volte invidio i miei colleghi che i pochi minuti di pausa li passano magari a chiamare gli amici o i morosi. 
Mà, non li capirò mai. Prima li senti dire " oddio non ce la faccio più, devo staccare un attimo, ho la testa che mi scoppia", e un attimo dopo ti accorgi che sono lì intenti a parlare al cellulare.
 Mi verrebbe da dirgli:
 scusa.... un momento fa non eri quello che ....??? 
Ovvio che queste considerazioni le tengo per me!


Ok, ok, lo so che sono io quella un pò... come dire:  diversa.
 Ma che posso farci!
Sarò antica, come dice mia figlia, ma adoro scrivere. 

Che sò, mi sento più libera di esprimermi.
Sapete, lo faccio ancora con mio marito. 

Invece di mandargli un sms, preferisco lasciargli un bigliettino nascosto nella sua agenda per dirgli che ancora lo amo, e più di prima.
 Mi piace immaginare il momento in cui lo troverà, nascosto alla pagina della giornata. 
Anche lui fà la stessa cosa, solo che lo lascia quasi sempre sulla bottiglia del latte nel frigo, così appena scendo a preparare la colazione....
volete mettere quanto è più bello iniziare  la giornata così?



Foto tratte dal Web

I vetri in cantina









E' da qualche giorno ormai che mi occupo di svuotare la cantina di una persona a me cara, venuta a mancare da poco. Tra le tante cianfrusaglie che man mano stanno venendo fuori, la cosa più incredibile, il tesoro più grande, è quello di aver scovato una miriade di vasi e bottiglie in vetro di ogni genere e misura. Alcuni senza  sinificato e privi in assoluto di ogni forma di bellezza, altri invece più interessanti. Non pensavo ci fossero tanti colori e tante forme. Veniamo al dunque... Cosa ne faccio di tutti questi vetri? Gettarli via, non se ne parla proprio. Mai chiedere ad una creativa di disfarsi di ogni minima cosa trovata. Tutto potrebbe tornare utile col tempo. Si,...ma, allora, cosa ne faccio? Quindi armata di pazienza (si fà per dire), eccomi pronta con mio immenso piacere a girovagare sul web, per l'ispirazione giusta. Questo è quello che mi è più piaciuto e che penso di prendere come spunto.
Che ne dite?






 foto Pinterest

giovedì 26 aprile 2012

Set cucina

Oggi farò visita ad una mia amica e alla sua splendida casa nuova. Mi sono informata sui colori della cucina e conoscendo i gusti della padrona di casa, ho pensato che al posto della solita piantina, lei avrebbe gradito di più un pensierino realizzato da me. Questo è il risultato: spero che le piacerà.

A sinistra una tovaglia per otto persone, a destra una tovaglia per 6 

  4 asciughni




e per finire



quattro americani.

Un bacio, Anna


mercoledì 25 aprile 2012

Buongiorno Italia

Buongiorno Italia
coi spaghetti al dente
e un partigiano come Presidente.....

Chi non ricorda questa canzone?
 
Cantava la voce del nostro cuore.
 
In queste parole c'era racchiusa 
tutta la nostra storia,
tutto il nostro essere 
Italiani

Allora pronti a rimboccarci le maniche
e a far si che ancora una volta
sia così. 
 
La nostra splendida Nazione

Voglio per questo regalarvi 
qualche immagine  di casa mia.

Un portafortuna... se volete.
 


lunedì 23 aprile 2012

Un gradito ritorno

E' vero!
Lo so!
E' da tanto che non mi fermavo 
un attimo per raccontarmi.
Che dirvi,
è già da qualche giorno che ci penso
su quello che vi potevo dire
per scusarmi della mia 
lunga latitanza.
Non riesco a trovare le parole giuste però;
allora ho finalmente deciso 
di scrivere così di botto.
Avete mai provato a promettervi che avreste
trovato il modo di fare una visita,
o piuttosto una telefonata, 
e poi rimandare al giorno successivo...
e rimanda oggi e rimanda domani
il tempo passa.
Capita di incontrare quella persona 
e non sapere cosa dirle per scusarsi della
promessa non mantenuta.
Capita che più i giorni passano
più non avete il coraggio di farlo
per paura di un rimprovero da parte di chi 
avete trascurato.
Ora pensate a questo spazio come ad una persona.
L'ho trascurato tanto negli ultimi tempi 
che quasi non avevo più il coraggio e la forza di affrontarlo.
Ma le cose lasciate in balia del nulla 
non mi sono mai piaciute...
e allora mi sono detta: coraggio Anna, 
questo è il tuo spazio, ricomincia ad amarlo come in passato,
a curarlo come prima.
Se ti ama veramente ti perdonerà,
così come solo le vere amiche lo sanno fare.

Mi chiamo Anna e questo è il mio blog!

ps. Morivo dalla voglia di farvi vedere questo:



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget