Cerca nel blog

lunedì 18 aprile 2011

Sapori pasquali

Presa come sono dal lavoro, la casa, il blog nato da poco e mille altre cose, mi sono resa conto solo sabato che manca qualche giorno a Pasqua.

Infatti, durante il pranzo, a casa dei miei genitori, mia sorella mi dice: << Quando facciamo i dolci con la pasta di mandorle ?>>.

 E io rispondo: << Bhè, la domenica prima di Pasqua, come sempre >>.

Accidenti la domenica delle Palme è domani. Domaniiiiiii? Ok, ok, ci penso un po' su.

Questo pomeriggio no, devo finire i lavori per "la Mia Africa", la settimana prossima lei lavora di mattina mentre io la sera, non rimane altro che farli domenica.
Ma si, dai, la mattina posso preparare l'impasto e dopo pranzo all'opera.

 Ma c'è un ma. Nadia non può la sera perchè c'è la recita di Carlo e Gabriele. E allora?

Riorganiziamoci, io posso iniziare a fare i dolcetti mentre lei porta i ragazzi alle prove e mentre loro due provano, lei torna a casa mia, prepariamo i tronchetti che da sola non gliela fò.

 Dopo, alle 19,30, può tornare ad assistere  alla recita.  Bene, bene. Tutto come previsto meno un particolare.

Mia sorella arriva a casa mia insieme al più piccolo (otto anni) che, attratto in maniera smisurata da tutto quello che è impastare, pasticciare e imbrattarsi di cioccolato, preferisce restare con noi piuttosto che andare alle prove.

Iniziamo, tra un caffè,


una sbirciatina a qualche blog,


mariti alle prese con le partite,



Gabriele trasformato in un pasticcino, tanto è macchiato di zucchero e cioccolato e finalmente alle 18,30 finiamo.

 
 
La cucina non si riconosce. 
 
Zucchero al velo dappertutto, coppe, coppette e coppettine varie intasano il lavello e mariti che stranamente riappaiono dal letargo in cui erano caduti davanti alla tele per le partite, per assaggiare i dolcetti.

La scusa più banale è quella che devono tastare se possiamo o meno procedere col regalarli,
intanto ne hanno fatto fuori uno intero.
Però, vuoi mettere che soddisfazione?
Li guardiamo come se fosse la prima volta che li facciamo e quasi gongoliamo alla loro vista.











 Pasta di mandorle salentina


500 gr di mandorle bianche
500 gr di zucchero
150 ml di acqua
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di anice



Frullate le mandorle fino a farle diventare farina.

Mettete l'acqua in una pentola antiaderente e portarla ad ebollizione.

Man mano aggiungete lo zucchero per scioglierlo.

Quando tutto lo zucchero è  perfettamente sciolto, iniziate ad aggiungere le mandorle,
poco alla volta.

Man mano il composto si addenserà.

Continuate a mescolare mentre cuoce a fuoco lento per 10 minuti.

Spegnete e disponete in una teglia per farla raffreddare.

Lasciate riposare l'impasto per 5-6 ore.

La pasta di mandorle è pronta per essere plasmata e modellata a vostro piacere.

4 commenti:

  1. Ma che meraviglia!!!Siete bravissime...sembrano uscite dalla vetrina di una pasticceria!!Complimenti davvero...io non ci provo nemmeno!!

    RispondiElimina
  2. Davvero molto belli zia Complimenti ù.ù

    RispondiElimina
  3. Bellissima la decorazione pasquale di questo buonissimo dolce.
    Grazie per essere passata dal mio blog.
    Sei riuscita a raccogliere i rami per la ghirlanda?
    Un abbraccio e buona Pasqua
    xxx Rosi

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Si è verificato un errore nel gadget